Viaggiare con il diabete può essere un compito arduo anche per i PWD più esperti (persone con diabete).

Ho confezionato abbastanza aghi? La mia insulina è sicura? Ho delle prescrizioni di riserva per ogni evenienza. Ci sono dottori dove andrò chi accetterà la mia assicurazione se necessario?

Sì, viaggiare in un paese sconosciuto può essere particolarmente difficile con il diabete ...

Oggi siamo lieti di presentare Stephanie Bradford del Pennsylvania centrale, una scrittrice freelance e consulente di marketing che vive con il tipo 1 dalla sua diagnosi a aveva 7 anni nel 1976. Mantiene uno stretto controllo utilizzando i colpi di Lantus e Humalog, ma in un recente viaggio di emergenza in Francia ha incontrato alcune carenze di approvvigionamento e ha dovuto fare affidamento sul sistema sanitario non familiare del paese. Ecco cosa ha incontrato Stephanie:

Un guest post di Stephanie Bradford

Quando viaggio, le siringhe sono sempre state un punto critico.

Da adolescente, ho fatto un'escursione di due giorni e una gita in campeggio con la mia truppa di Girl Scout. Mia madre mi ha chiesto una dozzina di volte se avessi la mia insulina. "Sì!" Ho risposto, ogni volta roteando gli occhi un po 'di più.

Non è stato fino a quando non avremmo allestito il campo, e iniziato la preparazione per la cena, che ho capito che avevo dimenticato le mie siringhe. Un'escursione di due miglia (con il leader sempre paziente) e una telefonata a pagamento alla mamma più tardi, e il problema è stato risolto.

Due anni fa, sono scappato a New York per un weekend pieno di divertimento, di mangiare, bere, camminare e visite turistiche. Parte del "divertimento" implicava la negoziazione con la farmacia locale per le siringhe; Ero arrivato all'hotel con solo i tre standard che portavo in borsa, non il 10 di cui avevo bisogno per il fine settimana, oltre agli extra che avevo sempre pacco.

Mentre la mia prescrizione era inutile perché era fuori dallo stato (c'era la copertura assicurativa), ero in grado di acquistare un certo over-the-counter.

Più di recente: il mio viaggio di emergenza in Francia e il seguito di esso. In quel viaggio non pianificato, il mio bisogno di emergenza per le siringhe e le strisce reattive si è verificato quando il viaggio è stato prolungato di otto giorni.

Ero in Francia perché mia madre aveva subito un intervento chirurgico all'emergenza all'ospedale americano di Parigi a Neuilly sur Seine.

La stima, quando lasciai gli Stati Uniti, fu che la mamma sarebbe stata in ospedale per circa una settimana, e poi avrebbe avuto bisogno di un'altra settimana di recupero nel paese prima di poter tornare a casa.

Mi sono confezionato di conseguenza, lanciando più confezioni di siringhe nel mio bagaglio a mano e nella mia piccola valigia, e poi in un pacchetto extra di 10, per ogni evenienza. Ho preso abbastanza strisce di test per farmi passare 14 giorni di test da quattro a sei volte al giorno.

Otto giorni dopo il viaggio, fu chiaro che ero bloccato in Francia più a lungo delle due settimane originariamente programmate.

Era anche chiaro che i frequenti esami del sangue (dovuti a lunghe passeggiate, orari strani, jet lag e carboidrati che contano cibi non familiari) avevano esaurito la mia scorta di strisce reattive.

In Francia, le farmacie hanno croci verdi sopra le porte e sembrano avere "temi" come "maternità" o "bellezza". Non avendo idea di cosa scegliere, sono semplicemente entrato nella farmacia più vicina al mio hotel.

Sono successe due cose che mi hanno fatto desiderare di importare l'intero sistema medico francese. In primo luogo, il farmacista mi ha ascoltato spiegare il mio problema, in inglese: sono un diabetico insulino-dipendente, sono in Francia in caso di emergenza, sto esaurendo le strisce reattive.Ha detto che, sì, potrei acquistare le strisce reattive - fantastico! Ma poi le differenze linguistiche hanno interferito.

Uso un misuratore FreeStyle Lite. Riconobbe il misuratore e tirò fuori strisce che erano FreeStyle, ma furono chiamate "Papillon Easy" e non "Lite".

Una parte del mio cervello si accese e ricordai che c'era una farfalla sulle mie strisce reattive. E papillon è francese per farfalla. Le ho mostrato le mie strisce, in particolare la farfalla, e poi ha aperto il pacchetto delle strisce reattive francesi e le abbiamo confrontate. Ero abbastanza sicuro che fosse una partita, il farmacista meno sicuro. Quindi, ha chiamato la compagnia. Ci fu una conversazione di due minuti e voilà! Le strisce erano uguali.

Oh, ad eccezione del costo. Ho pagato circa $ 40. U. S. per 100 strisce. Questo è meno della metà di quello che mi sarebbe costato negli Stati Uniti. Questa è la seconda cosa che mi fa pensare che il sistema medico degli Stati Uniti potrebbe imparare molto dalla Francia.

Alcuni giorni dopo, nel mio quarto ed ultimo set di alloggi, ho iniziato a disfare i bagagli, di nuovo.

Nota per se stessi: non viaggiare in Europa in caso di emergenza all'inizio della stagione turistica. Trovare un posto dove stare sarà quasi impossibile.

Mentre disimballavo ho notato che avevo tre pacchetti di siringhe, più i pochi nella mia borsa. Ho contato i giorni; Ho contato le siringhe. Con due colpi di Lantus e tre o quattro di Humalog al giorno, anche se ho riutilizzato le siringhe (lo so, è disapprovato da BD e dalla maggior parte dei medici, ma lo facciamo tutti ...) Avrei solo sei siringhe per prendermi attraverso il giorno di viaggio finale.

Un volo in ritardo e sono stato colpito.

Quindi, di nuovo in farmacia ... Anche se era un'escursione dal mio nuovo posto, sono tornato a quello in cui avevo acquistato le mie strisce reattive.

Mi hanno ricordato, il che mi piacerebbe attribuire agli eccellenti standard di servizio nell'industria medica francese. Ma più probabilmente è perché hanno passato quasi un'ora con me la prima volta che sono stato nel negozio. Inoltre, potrei essere stato leggermente in alto sullo stress e piccole tazze di caffè francese in quel momento.

Siringhe? Non è un problema. Corrispondenza esatta? Bene, tutti i numeri (che, anche sulle siringhe americane sono metrici) erano uguali e il pacchetto era contrassegnato come "insuline". Ho pensato che avrebbero funzionato, quindi ho comprato un pacchetto di dieci. Mi sono costati circa $ 4. 50 U. S.

Anche se non ho avuto bisogno di questo viaggio, ho chiesto al referente americano dell'ospedale di parlare di insulina. Si scopre che hai bisogno di una prescrizione, proprio come a casa. Ho anche chiesto come gestirò situazioni urgenti, ma non pericolose per la vita?

"Credo che per qualcosa di minore, come mal di gola, forse l'opzione migliore (a Parigi) sarebbe quella di chiamare SOS Medecins - il loro operatore farà alcune domande e può effettivamente avere un medico a casa tua in mezz'ora o giù di lì .

E costa solo intorno a 70 € ... (circa 100 $ USA)?!

"Spesso, possono darti abbastanza medicine da tenerti compagnia per un paio d'ore finché non arrivi in ​​farmacia, "Il funzionario aggiunse.

Wow, chi sapeva che i francesi potevano essere così accomodanti?

Questo viaggio non era, con ogni sforzo di immaginazione, il mio viaggio migliore pianificato o più gradito in Francia.Ma era una di quelle esperienze di apprendimento, una delle migliori da non ripetere.

Ad eccezione della parte in cui ho calcolato che per ogni miglio camminato, potevo mangiare quasi un quarto di baguette. Quella parte farei di nuovo.

Wow ha ragione, Stephanie. Sono felice che il sistema sanitario in Francia sia stato così utile. Speriamo che tua madre stia andando meglio e grazie per aver condiviso la tua storia! Mostra semplicemente l'importanza di avere un sistema di supporto sul terreno quando si viaggia con il diabete.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.