The Madness of March è qui, ancora una volta! È il momento dell'anno in cui la febbre del basket universitario consuma il mondo e le aziende perdono innumerevoli ore di produttività dei dipendenti grazie alla parentesi e a tutte le forme di attività dei fan di NCAA.

Io stesso sono un appassionato di sport, e mentre il baseball e l'hockey professionisti sono i miei primi due amori, legare per un terzo più stretto sarebbe il basket e il football del college.

Ora, non sono mai stato uno a cui andare all'estremo di memorizzare statistiche e classifiche come molti dei miei amici (hey, I'm dis

tratto abbastanza dalla matematica del diabete!) Ma sì, mi piace tenere schede sulla pallacanestro del college, e quando March Madness gira intorno, io sento sicuramente la febbre da solo. Come tanti altri fan, sono stato incollato al televisore lo scorso weekend durante l'attesissima selezione domenica, quando 68 squadre sono state abbinate al primo turno, che inizia oggi.

Naturalmente, come PWD, ho tenuto d'occhio soprattutto un certo numero di atleti che hanno avuto successo nel loro rispettivo sport mentre vivevano con il tipo 1. In effetti, seguendo il loro viaggio negli ultimi dieci anni, mi ha motivato a iniziare meglio a gestire la mia salute, e anche approfondire la conoscenza nella Comunità del Diabete.

Quello che sto ottenendo qui è che ho avuto il privilegio di avere recentemente la possibilità di uno scambio con una di quelle stelle del college di tipo 1 con il nome di Tom Gisler, che ha giocato a basket di Division III per l'Università del Nord-Ovest del Minnesota fino alla sua laurea l'anno scorso.

Tom ha avuto un grande impatto in quella divisione del basket universitario, diventando uno dei migliori sparatutto a lungo raggio che ha contribuito a portare la Northwestern Eagles al terzo posto consecutivo nel torneo NCAA Division III. Oppure, come possono apprezzare gli osservatori: in piedi a 6'-4 ", Tom ha fatto 48. 3 percento dei suoi tre punti, a soli 3 punti percentuali in meno rispetto al record di divisione III.

Oggi, in onore di marzo Follia, ti portiamo uno sguardo interiore alla storia di Tom di sopravvivere al mondo competitivo del basket universitario con una diagnosi di diabete di tipo 1 nel mix.

Posso ancora giocare?

La storia della diagnosi di Tom suonerà familiare a molti: Era l'estate appena prima di iniziare il 7 ° grado alla fine degli anni '90, quando iniziò a sperimentare quei sintomi classici: perdita di peso, sete estrema e risveglio da 5 a 10 volte a notte per usare il bagno.La sorella maggiore giocava a basket e la famiglia Stava tornando indietro da un torneo in Iowa, e hanno dovuto fermarsi molte volte per far pipì Tom. Questo è quello che ha sollevato le sopracciglia, e ha portato alla visita di un medico e alla diagnosi.

Nessuno nella famiglia aveva il diabete, tranne un deceduto nonno che aveva avuto il tipo 2, quindi Tom dice che la sua famiglia è stata colta di sorpresa t domanda: Poteva ancora fare sport? Tom giocava a pallacanestro da quando era molto piccolo, quando suo padre era l'allenatore, e il pensiero di perdere la sua capacità di fare sport era la cosa più violenta.

"L'atletica leggera era enorme nella mia famiglia, ed è proprio questo che ha portato più amici e parenti insieme", ci dice.

Ma Tom e la sua famiglia, di undici anni, hanno appreso con sollievo che il diabete non lo avrebbe portato fuori dal campo. Vive nella piccola città di Stewartville nel Minnesota sud-orientale, Tom dice che aveva un medico di famiglia che conoscevano bene e che era incoraggiante.

"Mi ha detto che il diabete non dovrà intralciare la vita se non lo permetti, e che non è limitante. Mi ha detto che la vita sarebbe cambiata un po ', ma in realtà è più di un un fastidio che dovrei tenere d'occhio, sarebbe come vivere con un inalatore, che devi avere sempre con te e lavorare nella tua vita ", dice Tom. Approccio abbastanza buono dal punto di vista del medico, IMHO.

Ma per Tom, non era psicologicamente così facile come quello; è stato in grado di continuare a giocare a basket, ma ammette che il suo "primo istinto" era quello di mantenere il suo diabete un segreto.

"Inizialmente mi faceva male e mi sembrava un affare più grande di quello che realmente era: volevo solo essere me stessa e non avere il diabete al collo. Ero naturalmente timido e non volevo che nessuno Pensavo di essere strano o di non poter fare qualcosa. "

Fu quasi due anni dopo, al liceo, che Tom si ricorda di aver preso un colpo di insulina durante l'intervallo di tempo, in piena vista dei suoi compagni di squadra. Rimasero stupiti di non averlo saputo prima. Ma non è successo nulla di negativo, e da allora in poi Tom dice che i suoi amici più stretti, sia nelle scuole superiori che in quelle universitarie, erano favorevoli alle sue esigenze di diabete.

Dice che alcuni di loro potrebbero persino individuare i cambiamenti di zucchero nel sangue e correre per ottenere un Gatorade. Tom dice che è stato fortunato ad essere molto sensibile ai suoi alti e bassi, e quindi mai una volta ha avuto un incidente di zucchero nel sangue che ha influenzato la sua prestazione di basket (!). Dice che è stato in grado di mantenere i suoi zuccheri nel sangue tra 100 e 150 mg / dL prima e durante i giochi controllando spesso e apportando modifiche.

La sua routine? Avrebbe controllato prima di una partita, ma non più volte, a meno che non si sentisse a posto - perché "può incasinare la testa, chiedersi continuamente cosa fanno gli zuccheri nel sangue e fondamentalmente" inseguire i numeri "invece di concentrarsi su il gioco ", dice.

Non volendo trascinare una pompa per insulina durante i giochi, Tom dice che è stato iniezioni dalla sua diagnosi - anche se ora sta prendendo in considerazione una pompa per insulina per la prima volta dal momento che non sta più giocando in modo competitivo.

"Ho sempre detto che non appena avessi finito con lo sport, avrei iniziato a guardare una pompa per insulina", ha detto, aggiungendo che i tempi sono un po 'sfortunati, visto che è stato appena tolto l'assicurazione dei genitori.

Ora laureato in college con una laurea in contabilità, Tom è nel pieno della stagione fiscale ora (quindi sta seduto molto!) Ma prova ancora a giocare più basket con gli amici che può. Ma sta anche studiando per diventare un CPA, quindi prende una parte del suo tempo.

"Adoro giocare a basket, e il diabete non cambia questo", ha detto."Ho avuto un grande controllo, in gran parte a causa dell'attività e dell'esercizio che ho avuto nella mia vita, ora, se mi sento scadente, mi alzo e mi muovo e mi aiuta con gli zuccheri nel sangue e, nel complesso, con la salute . "

Morrison Inspires

Tom è fonte d'ispirazione per molti, e ci siamo chiesti, chi ha ispirato Tom? La prima persona che ha menzionato è un'altra star del basket PWD il cui nome è familiare a molti di noi: Adam Morrison. Stava facendo notizia un decennio fa, e ricordo vividamente nel 2004, l'anno in cui mi ero trasferito a Indianapolis, vedendo un Sports Illustrated con

un multi-pagina diffuso sulla vita di Adam con il diabete e pallacanestro. Era in copertina un paio d'anni dopo, mentre era in cima alla sua partita.

Come Sports Illustrated ha scritto: "La sua lotta contro il diabete di tipo 1 lo ha trasformato in un eroe per milioni di persone che ne hanno sofferto e ha reso le sue gesta a terra ancora più incredibili."

Sì , Adam ha battuto i record al liceo - nonostante una grave crisi ipogea che ha vissuto nel campionato di stato. È andato nazionale durante le sue tre stagioni al Gonzaga, dove ha guidato la nazione nel punteggio da junior. Ma molti ricordano la sua ultima partita in assoluto: il match degli Sweet 16 contro l'UCLA, quando nonostante il suo gol segnava 24 punti, la squadra perse nei minuti finali e Adam si mise a piangere sul campo - alla TV nazionale. Pochi mesi dopo, Adam ha risposto pubblicamente in una pubblicità per NBA Live di EA Sports, dicendo subito: "Sì, ho pianto. Ho pianto sulla televisione nazionale. E allora? Il fallimento fa male ... Spero di non perdere mai quell'intensità. Più persone dovrebbero piangere. E quando arrivo alla NBA, più persone piangeranno. '"

Naturalmente, come ora sappiamo, non è andata a finire così. Anche se Adam ha raggiunto i campionati più importanti ed è stato con i Los Angeles Lakers per due campionati, non ha avuto molto tempo da giocare e la carriera da professionista è svanita grazie alla sfortuna e agli infortuni non collegati al diabete, è svanito completamente dal basket pochi anni fa - fino alla notizia dell'estate scorsa che Adam è tornato a Gonzaga non solo come studente re-iscritto, ma come assistente al basket coach.

Tom dice che ricorda l'articolo Sports Illustrated e la cover su Adam almeno intensamente come me, e lo ha tenuto come ispirazione.

"Ho sempre guardato fino a quelli che stanno facendo bene nello sport, o semplicemente nella vita, ed è quello che spero che la mia storia abbia significato per alcuni bambini ", dice Tom.

" È stimolante vedere che nulla ha trattenuto queste persone. Puoi sempre trovare una scusa e con il diabete è facile andare. Ma mi piace guardare le persone di successo e pensare: "Se possono farlo, anch'io posso." Non esitare dal tuo diabete, e sicuramente non devi fermarti. "

Grazie Tom, per un messaggio di tipo "YouCanDoThis" che è sempre il benvenuto e speriamo che questa stagione delle tasse ti contenga molto prima dell'esame CPA!

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici.Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.