Happy Diabetes Alert Day 2015!

Ogni anno il quarto martedì di marzo, troviamo l'American Diabetes Association che tiene il suo un giorno "sveglia", incoraggiando milioni di americani a fare il test per il diabete: un semplice ma potente sondaggio online di sette domande volto a determinare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Che momento perfetto per presentare il nuovo CEO dell'American Diabetes Association, Kevin Hagan, che è stato nominato il 19 febbraio e prende il timone l'1 giugno. Hagan sostituisce il Dr. Suzanne Berry, il leader provvisorio dopo la partenza dell'ex CEO Larry Hausner nell'agosto 2014.

Questo è il pugno di Hagan nell'universo del diabete, sebbene abbia numerosi membri della famiglia diabetici e si descriva come "prediabete" - quindi c'è una connessione personale.

Al di fuori del mondo del diabete, Hagan è molto esperto nella gestione delle organizzazioni non profit. Eppure si sta unendo all'ADA in un momento critico - nel suo celebre anniversario del 75 ° anniversario, quando molti sguardi saranno importanti, mentre i numeri del diabete sono alle stelle, ma le sponsorizzazioni non stanno facendo lo stesso.

Senza ulteriori indugi, ecco la nostra recente intervista con Hagan:

DM) Parlaci un po 'del tuo background, prima di venire all'ADA?

KH) Mi unirò all'American Diabetes Association dopo aver servito come Presidente e CEO di Feed the Children, un'organizzazione internazionale per la fame nell'infanzia. Durante il mio mandato, ero responsabile per il significativo turnaround e la trasformazione di quella organizzazione trentacinquenne. Mentre CEO, l'organizzazione ha aumentato il numero di sponsor più di dodici volte e costantemente aumentato le entrate nette e gli sforzi di raccolta fondi. Questo è nato dal nostro lavoro per diversificare i nostri canali di entrate. Inoltre, siamo riusciti ad aumentare le dimensioni medie del regalo del 20% e abbiamo lavorato duramente per concentrarci sul valore a lungo termine dei donatori, creando al tempo stesso una rinnovata attenzione al servizio clienti per i nostri donatori. La raccolta di fondi aziendali è stata potenziata dall'introduzione di un team di ingegneri filantropici aziendali per programmi di donazioni aziendali su misura per le aziende di Fortune 500.

Prima del mio lavoro con Feed the Children, ho ricoperto il ruolo di chief operating officer di Good360, un'organizzazione no profit impegnata a soddisfare le esigenze delle organizzazioni non profit con donazioni di prodotti aziendali. Penso che queste esperienze combinate con la mia precedente esperienza aziendale e il mio sincero interesse nel combattere il diabete mi preparino bene a guidare l'American Diabetes Association.

Perché volevi questa posizione con l'ADA?

Ciò che mi ha davvero attratto è una connessione familiare personale con il diabete. Mia madre ha il diabete. Mio padre ha il diabete. Mio cognato ha il diabete. I miei nonni avevano il diabete. E poi circa 8 o 9 anni fa, mi è stato diagnosticato me stesso con prediabete, che mi ha portato su un percorso per diventare più sano e guardare più da vicino lo stile di vita che stavo conducendo. È stata davvero questa connessione personale che mi ha portato all'Associazione perché mi sono sempre chiesto, crescendo con una famiglia con un bel po 'di persone affette da diabete, "Come sarebbe la vita se non avessi il diabete? "Era davvero ... il pensiero che avrei potuto avere un impatto sulla vita dei quasi 30 milioni di americani con diabete - sia di tipo 1 che di tipo 2 - e degli 86 milioni di persone che avevano prediabete. Sembrava un perfetto incrocio di connessioni personali e un set di abilità che potevo contribuire a questa grande missione.

Non hai fatto una distinzione tra i tipi di diabete quando descrivi la tua connessione ...

Non prendo insulina o farmaci per il diabete. Per quanto riguarda la mia famiglia, tutti i membri che ho menzionato sono stati diagnosticati con il tipo 2; tuttavia, ho molti amici intimi con il tipo 1 e credo che tutti i tipi di diabete necessitino di più attenzione e dollari di ricerca.

Quali sono le maggiori sfide che l'ADA deve affrontare?

È ancora troppo presto nel mio processo di apprendimento per conoscere le più grandi sfide, ma è molto chiaro che una delle nostre maggiori sfide consiste nel focalizzare la nostra società sulla gravità di questa malattia. Il numero di persone che ne sono colpite continua a crescere e allo stesso modo il costo per il nostro sistema sanitario è drammaticamente colpito. Dobbiamo fermare questa tendenza e dovremo essere creativi nei modi in cui educiamo il pubblico e avremo bisogno di nuove e crescenti risorse per farlo.

Cosa pensi che non sia successo con ADA che deve accadere?

Metto ciò che deve accadere in quattro secchi: prevenire, gestire, curare e poi difendere.

Quello che ho detto al Consiglio di Amministrazione della American Diabetes Association è che vogliamo concentrare le nostre risorse sulla prevenzione, ma non possiamo nemmeno dimenticare la gestione e il trattamento delle persone che attualmente hanno il diabete. E poi, naturalmente, non vuoi mai dimenticare la cura per il diabete di tipo 1 e di tipo 2. Quindi dobbiamo assicurarci di difendere risorse adeguate per finanziare ulteriori ricerche. Durante i miei primi mesi di lavoro, intendo entrare e fare quella valutazione in modo da essere in grado di rispondere all'esigenza e di individuare possibili nuovi modi che non sono mai stati testati prima in termini di diffusione di informazioni a tutti i soggetti interessati. L'unica cosa di cui sono fiducioso è che con la crescente epidemia di diabete, c'è molto lavoro da fare!

Prevedi cambiamenti nel modo in cui ADA funziona con altre organizzazioni, come la JDRF o la International Diabetes Federation o altri piccoli gruppi non profit?

Dall'esterno, guardo dentro, penso che uno dei problemi caldi sia la necessità di miglioramento in termini di organizzazioni di diabetici che lavorano insieme. Questa malattia è un'enorme sfida per la salute del nostro paese e del mondo e non possiamo permetterci di lavorare da soli nei silos. I silos sono molto comuni, non solo nelle organizzazioni, ma anche nei settori industriali, quindi mi aspetto di trovarli presso l'American Diabetes Association e all'interno della più grande comunità di diabetici.

E mentre i silos esistevano nella mia precedente industria (organizzazioni anti-fame), devo dare a tutti noi il merito di questo credito industriale; molte delle organizzazioni anti-fame hanno ottenuto nuovi leader negli ultimi 3-5 anni e abbiamo lavorato tutti diligentemente per rimanere in contatto tra loro e coordinare i nostri sforzi per ottenere il massimo impatto. Penso che abbia dato i suoi frutti. Ora siamo più concentrati sulla collaborazione piuttosto che sulla concorrenza. Il più grande testamento di questo fatto è che alcuni dei gruppi anti-fame hanno iniziato a finanziare il lavoro dei programmi degli altri e a programmare in modo congiunto.È stata una vera gioia vedere questo svolgersi e spero di poter contribuire a portare quella stessa mentalità di collaborazione al mondo del diabete.

In che modo l'ADA segna il suo grande 75 ° anniversario quest'anno?

La nostra celebrazione del 75 th è una meravigliosa opportunità per condividere le pietre miliari della cura del diabete e della ricerca nella nostra lunga storia e attirare più attenzione sulla gravità di questa malattia. Puoi andare al diabete. org / 75 anni per vedere i punti salienti e le pietre miliari dei nostri successi come organizzazione. Questo è disponibile anche in spagnolo (diabete org / aniversario75). Ci sono collegamenti ad eventi speciali e il mosaico "A Wish for Diabetes". La cronologia evidenzia eventi significativi sulla storia dell'Associazione negli ultimi 75 anni e anche la storia del diabete. Le pietre miliari includono eventi dell'Associazione generale, risultati di advocacy, punti salienti di ricerca e cura del paziente.

Sono inoltre entusiasta dei piani per celebrare il nostro anniversario alle 75 a sessioni scientifiche a Boston questo giugno. Ci saranno due celebrazioni principali per l'anniversario: un ricevimento celebrativo per i festeggiamenti per i festeggiamenti e una mostra Timeline simile a un museo con un'esposizione unica al Boston Convention Center. Evidenzierà i contributi dell'Associazione negli ultimi 75 anni nel migliorare la cura del diabete, il trattamento e l'espansione delle conoscenze.

In che modo i PWD (persone con diabete) possono essere coinvolti in queste attività dell'anniversario dell'ADA?

Il mosaico "A Wish for Diabetes" è un luogo in cui puoi impegnarti nella celebrazione. Quando gli utenti inviano una foto, viene loro chiesto "Qual è il tuo desiderio per il diabete? "Possono esprimere un desiderio per se stessi o dedicare il desiderio a qualcuno che amano. Le foto si uniscono come un collage per formare un'immagine speciale che cambierà più volte nel corso del 2015. Il mosaico è accessibile su qualsiasi dispositivo di visualizzazione, sia in inglese che in spagnolo, oppure è possibile visualizzarlo sul nostro sito Web all'indirizzo diabetici. org / mosaic (inglese) e diabete. org / mural (spagnolo).

Ovviamente oggi è il Diabetes Alert Day. Quali sono le tue speranze e le tue aspettative?

Questa giornata rappresenta una potente opportunità per fornire un "campanello d'allarme" alla popolazione non diagnosticata distribuendo informazioni salvavita sul diabete di tipo 2

rischio e prevenzione.

Invitiamo le persone a livello nazionale a prendere il libero Diabete Risk Test e accesso alle informazioni sul diabete e incoraggiamento a unirsi o iniziare una squadra per un evento Step Out visitando il diabete / avviso o chiamando 1-800-DIABETES (1-800-342-2383). sono forniti per tutti coloro che prendono il Diabetes Risk Test, tra cui incoraggiare quelli ad alto rischio di parlare con il loro fornitore di assistenza sanitaria.

Quasi 100, 000 test di rischio online sono stati presi durante la campagna di un mese lo scorso anno e speriamo per vedere ancora più partecipazione quest'anno.

Infine, cosa diresti alle persone che ritengono che l'ADA non le rappresenti, poiché è troppo focalizzata sui prediabetes?

Mentre sto imparando di più sul lavoro che è essendo fatto nella comunità del diabete, sono consapevole che ce ne sono alcuni chi crede che ci sia uno squilibrio nel lavoro che viene fatto in tutte le forme di diabete.Ho capito che la missione dell'American Diabetes Association - prevenire e curare il diabete e migliorare la vita di tutte le persone affette da diabete - si applica a tutte le forme di diabete. Per quanto riguarda i finanziamenti, è qualcosa a cui non potrò rispondere finché non avrò avuto la possibilità di approfondire la comprensione di ciascuna forma della malattia e delle risorse totali impegnate per ogni tipo, ma farò del mio meglio in assoluto per aumentare la consapevolezza e le risorse per tutti i tipi di diabete.

Grazie per aver dedicato del tempo, Kevin! Aspettiamo con impazienza questo anniversario speciale per le sessioni scientifiche a giugno, e saremo sicuramente ansiosi di ricominciare con te una volta che avrai avuto la possibilità di entrare a far parte del CEO.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.