Sia che cantiamo stonato, sia che proviamo frustranti zuccheri del sangue fuori portata, i nostri amici della comunità diabetica sono sempre lì, giusto? Ma potrebbero essere difficili da trovare al momento giusto ...

Fortunatamente, ora c'è un'app per questo!

Si chiama HelpAround, una nuova app gratuita che si basa sul supporto peer-to-peer - progettata per aiutarci a localizzare altri D-peep che vivono nelle vicinanze o potrebbero essere abbastanza vicini da aiutarci in un pizzico - e ha colpito gli store Android e Apple a gennaio.

Modellato sul popolare servizio di messaggistica istantanea multipiattaforma di WhatsApp con sede in California che Facebook ha acquistato per miliardi a febbraio, Helparound ha ottenuto buoni risultati di stampa e molti investimenti in capitale di rischio nell'ultimo anno.

Ciò che fa è consentire a

ou di accedere (su un dispositivo iOS o Android), e immediatamente trovare altre persone nella D-Community che potrebbero essere in grado di offrire aiuto, indipendentemente dal fatto che tu sia in necessità di una bottiglia d'emergenza di insulina, alla ricerca di un endo locale, o se ti trovi bloccato con scorte limitate in vacanza. L'app rileva automaticamente la tua posizione e mostra agli altri utenti che hanno effettuato l'accesso nelle vicinanze. Quelli fisicamente più vicini a te sono visualizzati in alto, mentre quelli più lontani cadono sotto.

Questa app si basa fondamentalmente su ciò che diciamo da anni nel DOC: il sostegno reciproco da parte di coloro che lo "ottengono" è di vitale importanza e spesso più significativo nella nostra vita quotidiana rispetto al tempo limitato trascorso con la nostra assistenza sanitaria professionisti. Ma HelpAround è un romanzo in quanto offre un canale più mobile e immediato per trovare compagni di pazienti rispetto a Facebook o Twitter.

D-Dad creato

Questa "app social" è stata creata da una startup israeliana con lo stesso nome, fondata da due leader nel mondo della tecnologia sanitaria: Yishai Knobel, ex capo della salute mobile presso AgaMatrix che ha portato il glucometro collegato a iPhone, noto come iBGStar; e Shlomi Aflalo, ex vicepresidente di R & S presso la startup di tecnologia pubblicitaria eXelate.

Il loro strumento "scansiona i social network" per capire chi può aiutarti quando sei nel bisogno, e ci hanno detto che questo concetto proviene in realtà dal D-papà canadese Robert Oringer, che ha due figli di tipo 1 ed è pesantemente coinvolto nella tecnologia del diabete presso AgaMatrix e AMG Medical.

Come dice la storia, secondo un post di Jessica Apple oltre a ASweetLife :

Diversi anni fa, Robert portò il figlio minore a una partita della NHL al Bell Centre di Montreal - un'arena può ospitare più di 21.000 fan. Quando arrivò ai loro posti, suo figlio si rese conto che aveva dimenticato di portare la borsa del suo diabete

con il suo misuratore, il pungidito, le pastiglie di glucosio e il glucagone d'emergenza. In uno di quei momenti in cui il diabete "trova una soluzione veloce", Robert ha rapidamente considerato le alternative: lasciare l'arena e tornare a casa (troppo lontano), dirigersi verso la farmacia più vicina (anche lontana e probabilmente costosa), o cercare di localizzare qualcuno altro nell'arena con il diabete che vuole aiutare, se necessario, con i rifornimenti.Robert decise di "lanciare i dadi" e di rimanere nell'arena con suo figlio ...

Mentre suo figlio si divertiva, Robert passò il gioco (e il viaggio verso casa) pensando a come la tecnologia dei telefoni cellulari potesse essere usata per identificare e raggiungere discretamente ad altre persone vicine con il diabete per aiuto. Con oltre 21.000 persone nell'arena, basate esclusivamente su percentuali, sicuramente quella notte avrebbero dovuto essere diverse centinaia di persone con diabete che avrebbero potuto assistere. Grazie a HelpAround, quel pensiero non è più un "what-if", è una vera opzione.

Può avere un impatto? Con la crescente necessità di maggiori cure preventive e riduzione dei costi, i creatori di HelpAround credono che più si rivolgeranno a questi tipi di strumenti di supporto tra pari nei prossimi anni. Knobel punta in particolare alla Affordable Care Act e al modo in cui gli ospedali sono sottoposti a una maggiore pressione per mantenere i pazienti più sani e sicuri al di fuori dei contesti clinici.

Gruppi e funzionalità

Nei primi mesi, l'app ha avuto più di 2, 300 download e ha circa 1, 500 utenti ogni mese, con il ~ 30% che utilizza l'app ogni giorno. È una cosa piuttosto impressionante visto che la maggior parte delle app per il diabete sono appena usate!

Le statistiche mostrano anche che la maggior parte degli utenti si trova negli Stati Uniti e circa il 90% delle domande inviate riceve una media di quattro risposte. Già, ci sono gruppi che si formano in questa comunità di app come DiabetesHelpers e Parents of Children With Diabetes che puoi iscrivere e pubblicare messaggi su specificatamente. E più di recente, HelpAround si è espanso oltre l'unico focus sul diabete offrendo un nuovo gruppo di allergie alimentari. Ci sono anche altre "reti di sicurezza" sulla strada per altre condizioni croniche, incluso il cancro.

Lungo la strada, i creatori affermano che intendono aggiungere una funzione che ti consente di visualizzare una rappresentazione visiva degli aiutanti più vicini nella tua zona. Anche se non mostrerà posizioni precise, indicherà quante miglia di distanza qualcuno è da te. E oltre a ciò Knobel dice che spera di aggiungere uno strato professionale in cui le persone possano connettersi con gli HCP, o che i medici possano utilizzare il sistema da soli.

Come ho aiutato ...

Quando ho letto per la prima volta di HelpAround all'inizio dell'anno, ero molto entusiasta e mi sono registrato subito. Sfortunatamente a quel tempo, l'app e la community erano così nuove, non c'erano ancora molti altri sulla rete e certamente nessuno vicino a me a Indianapolis (o in tutto lo stato dell'Indiana, in realtà). All'inizio non mi è servito davvero lo scopo.

Ma poco più di un mese fa, ho ricevuto una notifica che qualcuno mi aveva inviato un messaggio su HelpAround. E quella persona viveva proprio qui nell'Indiana Centrale, a poche contee di distanza! Era un tipo 1 diagno

sed come un adulto circa cinque anni fa, e la nota sul mio smartphone ha catturato la mia attenzione: "Ho bisogno di aiuto con il mio diabete".

Non so cosa farmene, Ho risposto con una breve nota introduttiva e ho chiesto come potevo aiutare. Questo PWD ha risposto con un messaggio allarmante: sperimentare gli zuccheri nel sangue di livello DKA, avere una scorta limitata di penne Lantus, non avere un endo locale a cui rivolgersi e non sapere cosa fare.

Dopo alcuni scambi di messaggi, avevo consigliato alcuni endos nell'area di Indy (solo circa mezz'ora da questa donna), l'ho collegata via email con il mio endo locale e l'ho anche aggiunta al nostro Adult D- locale Gruppo di comunità su Facebook come modo per fare rete con gli altri. Non ho sentito alcun seguito su un incontro con il mio endo, ma questo collega PWD mi ha fatto sapere che sta facendo OK ora e ora ha una scorta di insulina.

Più tardi ho notato un altro PWD nel nord dell'Indiana che aveva pubblicato una domanda sulla neuropatia nelle mani e sui piedi, chiedendo come le persone si occupano di questo e di eventuali pensieri sui farmaci che potrebbero aiutare. Ho risposto con la mia stessa intuizione, poiché è qualcosa che ho già affrontato in passato; e più di una dozzina di altri PWD hanno risposto con i loro stessi commenti.

Ho anche guardato alcune delle conversazioni su gong, dalle domande sui gruppi di supporto locali alle sole note sugli utenti PWD interessati a trovare alcuni "diabuddies" per chattare online. Altri sono più specifici del problema, come cosa fare per le complicazioni o anche domande su come il sonno influisce sugli zuccheri nel sangue; l'ultimo da Taylor in Arizona ha raccolto circa 8 risposte, dalle osservazioni semplici a dettagli sul "fenomeno alba", sull'uso di insulina e consigli su cosa discutere con un endo. Consigli preziosi, tutto!

Quindi, in breve, sono impressionato e penso che questo sia un grande potenziale per fare questo bene. Ad esempio, è il modo migliore che vedo per trovare assistenza rapida quando si esaurisce l'insulina o altri materiali di consumo critici. Ma allo stesso tempo, ha un "solo altro forum di domande" quando hai passato un po 'di tempo a scorrere tutte le domande che le persone postano. Quindi suppongo che, a meno che tu non sia davvero alla ricerca di un PWD locale, la funzionalità potrebbe non essere così unica.

Complessivamente, la novità di HelpAround è l'immediatezza di tale funzionalità di "rete di sicurezza", mentre il semplice "collegamento" di PWD tramite social media o app per telefoni non è così innovativo, ma alla fine, più supporto per i pari strumenti che abbiamo a nostra disposizione, meglio è! Quindi, perché non provare HelpAround, come Helper o Helpee?

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.