Potresti ricordare quando Sanofi US ha annunciato lo scorso novembre di collaborare con l'attrice Elizabeth Perkins, di tipo 1 dal 2005, su un nuovo documentario sul diabete che mira all'importanza di avere una rete di supporto quando vive con il Big D.

Ovviamente, sappiamo che Elizabeth è la migliore per i suoi ruoli da star del cinema e della televisione negli anni '80 - in particolare nel film Big dove interpreta l'interesse amoroso di Tom Hanks. Più recentemente è stata in alcuni successi televisivi come Weeds su Showtime e la nuova sitcom ABC, Come vivere con i tuoi genitori per il resto della tua vita .

Bene, il suo ultimo ruolo riguarda il diabete. Lei interpreta come lei stessa raccontando la sua storia sul diabete e come abbia trovato il coraggio dopo la sua diagnosi nel 2005 per non nascondere il suo diabete ma renderlo una parte "naturale" della sua vita. È stata diagnosticata con LADA (diabete autoimmune latente negli adulti) all'età di 44 anni, dopo quello che descrive come un inizio lento, ed Elizabeth dice che ci è voluto più di un anno per smettere di nascondere la sua malattia. Questo tipo di "diabete che esce" è il tema del nuovo documentario Diabetes Co-Stars, Forza in Numeri , che sottolinea il messaggio che "puoi farlo, ma non puoi farlo da solo. "

Il film di 15 minuti ha debuttato il 4 maggio all'American Diabetes Association Expo di Los Angeles, in California, e presenta Elizabeth e il suo marito" co-protagonista ", il cineasta Julio Macat. Nel film parla di come i suoi sentimenti iniziali l'hanno resa segreta e non condividere con nessuno al di fuori degli amici e della famiglia. E 'stato bello vedere e sentire il suo marito "Type Awesome" condividere i suoi pensieri su come lui l'aiuta, in particolare con gli aspetti emotivi e psicosociali della vita con D.

Siamo stati fortunati ad avere una possibilità di intervistare Elizabeth su questo film. Continua a leggere ...

(Oltre alla storia di Elizabeth e Julio, però, sono presenti anche altre due coppie PWD, scelte dopo una chiamata di casting a livello nazionale lo scorso anno. Sono: i migliori amici Amanda Bauer e Anne Casey di New York, e il padre-figlia duo Eugenio e Naiomi Rivera dal Texas.)

Il documentario ha un grande obiettivo di raccolta fondi. Sanofi ha già donato $ 10.000 alla Diabetes Hands Foundation, ma quando "Forza in Numeri" raggiunge 10.000 visualizzazioni online, Sanofi raddoppierà quella donazione iniziale per un totale di $ 20.000! Quindi assicurati di andare online per vedere il video (se non l'hai già fatto) e diffondere la notizia! ( Nota: non esiste un tracker pubblico, quindi non possiamo tenere traccia dei punti in cui siamo in vista ... quindi basterà semplicemente impilare le visualizzazioni finché Sanofi non ci dirà che abbiamo raggiunto la visualizzazione di 10.000 Mark ci dicono che mercoledì sera, dopo tre giorni interi di visualizzazioni online, erano stati registrati circa 500 hit )

Abbiamo avuto la possibilità di parlare con Elizabeth per telefono questo lunedì, il giorno in cui il documentario

s pubblicati online e il monitoraggio della visualizzazione è iniziato.La sua recitazione e la sua difesa la tengono abbastanza occupata, quindi abbiamo avuto solo circa 15 minuti per parlare. Ovviamente, c'era un piccolo discorso "sceneggiati, Sanofi promozionali" che dovevamo superare, ma è stato fantastico poter accedere ad alcune cose della vita reale al di là della campagna. Ovviamente, essendo in partnership con Sanofi, sta usando i loro prodotti (la penna per insulina Lantus SoloStar) e lei ci dice che sta usando anche una penna per insulina ad azione rapida. Abbiamo condiviso alcune risate sull'amore reciproco per il dog walking come il nostro esercizio preferito per il diabete (io con il mio Riley Dog, ed Elizabeth con i suoi due cani Buster e LuLu), ed è stato anche bello ascoltare i suoi pensieri sulla Diabetes Online Community ... più ciò che Elizabeth potrebbe fare con il suo status di celebrità per portare una consapevolezza del diabete più accurata ad un pubblico più vasto!

DM) Sei stato diagnosticato nel 2005 ... raccontaci un po 'della tua storia personale sul diabete?

EP) Sì, era il 2005 quando mi è stato diagnosticato, ma è avvenuto molto lentamente per circa tre anni. Non mi sentivo bene. In quell'anno, ho avuto tutti i sintomi classici come la visione sfocata e la perdita di peso, prima che un test glicemico di routine presso il medico mostrasse che ero nel 600. È stato un tale shock quando mi è stato diagnosticato, perché ero in forma e nel pieno della mia vita. E in quel primo anno mi sentivo molto isolato e spaventato, e stavo girando le erbacce così ho tenuto un segreto e avrei solo testato e iniettato la mia insulina quando ero da solo nella mia roulotte.

Perché pensi di aver nascosto il tuo diabete?

Si tende a essere uno stigma sull'essere diagnosticati con il diabete, soprattutto quando sei un adulto - come ho fatto a me stesso, forse ho mangiato troppi hamburger ... Ho pensato che forse i miei produttori e le persone con cui ho lavorato avrebbero lavorato penso che non potrei tenere il passo e fare il mio lavoro, e quindi avevo paura di dire qualsiasi cosa. Ma ora non lo nascondo, mi inietto solo di fronte a persone sul palco e non vado al mio trailer. Non sono imbarazzato per il mio diabete, e faccio solo quello che devo fare.

Quindi, hai raggiunto e creato un sistema di supporto più grande, che è il cuore di Forza in Numeri . Perché volevi diventare pubblico in quel modo?

Sanofi mi ha contattato per fare questa campagna di sensibilizzazione e sensibilizzazione, e sono stato assolutamente

a farlo. Il messaggio di questa campagna è così vicino a casa, e si tratta del mio viaggio per essere finalmente in grado di non sentirmi così solo e isolato, ma di raggiungere e chiedere aiuto. Per me, si tratta di avere un co-protagonista nella mia vita. Mio marito, Julio, è il mio co-protagonista del diabete e non potrei farlo senza di lui. Questo è diventato un affare di famiglia. Spero che possa aiutare gli altri a trovare quei co-protagonisti nella loro vita.

Avevi mai sentito parlare della Diabetes Hands Foundation o prima leggi qualche blog sul diabete?

Ci sono così tante persone là fuori con cui connettersi. Mi sono ritrovato ad andare online e conoscere questi programmi, come quello che Manny Hernandez sta facendo con la Diabetes Hands Foundation. Ho visto che non ero in questo da solo, ma facevo parte di una comunità. Ecco perché lo sto facendo, perché volevo far sapere a quel messaggio che c'è aiuto là fuori.Ora abbiamo una community molto ampia e siamo tutti collegati online.

Hai mai incontrato e "discusso" con altre celebrità o attori del diabete?

No, è divertente, ma non l'ho fatto. Mi ritrovo a parlare con "persone vere" al di fuori del mio settore, e non mi viene in mente. E non ci sono molte celebrità che sembrano voler parlare di questo. È qualcosa su cui volevo andare avanti, raccontare la mia storia e magari connetterne altri.

Utilizzeresti mai il tuo ruolo sullo schermo per raggiungere un pubblico più vasto, magari lavorando il tuo stesso diabete in uno spettacolo?

Non mi sono ancora intrecciato in quella parte della mia vita. Ma sarebbe fantastico, ed è qualcosa che dovrò guardare a parlare con i miei produttori. In questo momento, stiamo solo cercando di ottenere una seconda stagione (per Come vivere con i tuoi genitori )!

Qualche consiglio per persone che potrebbero essere appena state diagnosticate, o anche per PWD di lunga data che sentono di dover nascondere il loro diabete dal resto del mondo?

Il mio grande messaggio per incoraggiare tutti con il diabete è che abbiamo un'intera comunità e devi raggiungere e bussare a quella porta. Ci sono persone che aspettano dall'altra parte per supportarti!

Sembra che Elizabeth abbia preso una pagina direttamente dal libro dei DOC, dove così tanti sono entrati in questo mondo online perché si sentivano soli e isolati. Parliamo molto delle migliori pratiche per i personaggi famosi delle celebrità e apprezziamo l'approccio di Elizabeth alla difesa.

Non dimenticare di visualizzare il video di Strength in Numbers online per aiutare DHF, e puoi anche trovare Elizabeth online sul suo sito web e su Twitter su @Elzbethperkins. Un altro video partecipante, Amanda Bauer, è anche online su @ajohannabauer.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.